Filicanti

Filicanti
Uno scultore a Filicudi

Libro fotografico in sette canti di Stefano Butturini
Oere di Francesco Pessina
Parole di Francesco Ricci

 

Questa è la storia di uno scultore e di un fotografo che girano come satelliti impazziti intorno alla vita. E trovano grazie alla predisposizione delle stelle nel cielo un punto d’incontro: Filicudi. Che non è casa, piuttosto una dimensione. Across the universe. Che può assumere le fattezze di dimora: lo scultore ha bisogno di uno spazio che non sia un’angusta galleria in cui esporre i propri lavori. Il fotografo ha bisogno di muoversi in campi che non siano la palude che oggi ci fa sentire tutti fotografi, o cuochi. L’incontro nasce da un sentimento di ribellione. Non tanto verso un sistema codificato, piuttosto verso quel legaccio che impedisce l’impeto d’amore e fratellanza, di sogno e poesia. E da questo sentimento ribelle nasce una condivisione. Che è la storia narrata in queste pagine attraverso immagini che non vogliono tornare là dove si vorrebbe, vale a dire casa. Qui non c’è casa, c’è come detto una dimensione, un cosmo. Qui non esiste la retorica bohémien e non c’è nessun salvagente o ancora di sicurezza nei paraggi. C’è una visione che trasforma la terra in purissimo oro.
Filicudi. Filicanti. Sette i canti che accompagnano la sequenza delle immagini, sette come le isole dell’arcipelago eoliano e sette come i pianeti sacri. Sette come i sacramenti e le braccia del candelabro ebraico. Sette come i chakra e le vertebre cervicali. Sette come le note musicali, sette come i giorni non solo della settimana, ma dei cicli lunari. Il fotografo accompagna per anni lo scultore, che altro non fa, attraverso le sue opere, se non esprimere rifessioni sulle radici dell’umanità. Per quello che mi riguarda, ho avuto la fortuna per sette giorni di incontrare i protagonisti di questa storia e di accompagnarla con parole che sono solo un sottofondo alla maestria del bianco e nero di Stefano Butturini e alla forza espressiva di Francesco Pessina. Il resto è il mare che ondeggia, accarezzando un’isola, accarezzando tutti noi.

Dall’introduzione di Francesco Ricci, Filicanti

Chiamami:
+ 39 335 6341755

Francesco Ricci
P.Iva 02760510368