2012: Bella Ciao

 

Autore: Francesco Ricci
Editore: Incontri Editrice
Cover: Simone Montagnani/SUEO

“Una mattina mi son svegliato” dice la canzone partigiana. E una mattina il vecchio Erio si sveglia, ma invece dell'invasor ad attenderlo trova un'Alfa Duetto d'altri tempi. Al volante l'amico ed ex allievo, deciso a rapirlo ai giardini post-togliattiani popolati di badanti per un viaggio in collina. Là, tra le pieghe dei calanchi e il profilo del monte Cimone, in una sola estate Erio ha incontrato e perduto il primo amore della sua vita.
Questa è la storia di quel viaggio. Ed è la storia di Maria, uccisa a sedici anni nella rappresaglia nazista di Ospitaletto di Marano.

“Erio, facciamo un giro. Prendiamo quello che viene. Lasciati andare. Tu ed io, lasciamo perdere la storia, la memoria. Prendiamoci un po' di fresco in faccia. Lasciamo spazio all'immaginazione. Che ne so di te sedicenne?”